Mastoplastica riduttiva

Botox, ne parla la dottoressa Ludovica Valentini
giugno 14, 2018
Interventi di chirurgia e medicina estetica le nuove tendenze estate 2018
giugno 21, 2018

Maggi ValentiniMaggi Valentini chirurgia estetica del viso e del corpo

Mastoplastica riduttiva

Molto spesso si presta attenzione solo a chi ha un seno piccolo e lo vorrebbe avere più grande ricorrendo alla mastoplastica additiva e non si pensa quasi mai alle moltissime donne che hanno il problema opposto: avere il seno troppo prosperoso e abbondante può portare non solo a problemi di salute ma anche a disagi psicologici.

Decidere di ricorrere alla mastoplastica riduttiva può aiutare a risolvere problematiche legate al peso eccessivo del seno. In termini medici si chiama ipertrofia mammaria e consiste nello sviluppo eccessivo della ghiandola mammaria durante la pubertà o la gravidanza. La causa è da attribuire a fattori costituzionali, ormonali ma anche ad una predisposizione ereditaria.

PERCHÉ FARLA?

Un seno troppo grande causa dolori fisici anche molto forti e può portare modifiche alla struttura del corpo ma soprattutto può costringere a cambiare le abitudini: una donna può non sentirsi più libera di correre o di indossare una camicia scollata, si sente sempre in imbarazzo. Ci sono donne che assumono posture scorrette dovute sia al peso del seno, sia alla tendenza di nasconderlo. Questo può causare cifosi (gobba) o rotazioni (scoliosi) della colonna vertebrale e della gabbia toracica. Le dimensioni del seno spostano in avanti il baricentro della colonna vertebrale portando collo e spalle e sopportare un peso importante, decisamente dannoso e causa di dolori e fastidi.
Un seno troppo abbondante non causa solo problemi fisici, ma anche psicologici e relazionali: molte donne non si sentono a proprio agio indossando vestiti scollati o aderenti dato che un seno grande tende ad attirare gli sguardi. Ecco perché decidere di ricorrere ad una mastoplastica riduttiva può fare la differenza.

Ti sembrerà di rinascere, potrai indossare quello che vorrai senza vergognarti, praticare sport senza difficoltà ma sopratutto non avere più dolori alla schiena e al collo. Tutto quel disagio provato fino ad ora sarà solo un brutto ricordo.

L’intervento di mastoplastica riduttiva

L’intervento viene eseguito in anestesia generale: vengono asportati cute e tessuti mammari in eccesso, spostando l’areola più in alto e rimodellando i rimanenti tessuti in una forma più piccola, più alta e armonica. Il recupero ed il post-operatorio sono molto rapidi sopratutto perché anche se in convalescenza, potrai già percepire un incredibile senso di leggerezza e libertà.

Le cicatrici saranno poco visibili e lo saranno sempre meno con il passare del tempo. A seconda che si tratti di piccole, medie o grandi riduzioni, le incisioni possono essere effettuate solo intorno all’areola o scendere verticalmente fino al solco sotto-mammario e lungo la piega inferiore del seno (cosiddetta incisione a forma di ancora o a T rovesciata).*

SI PUÒ ALLATTARE DOPO L’OPERAZIONE?

Questo intervento non preclude assolutamente la possibilità di allattare: lo studio Maggi valentini utilizza tecniche chirurgiche innovative che consentono di asportare grandi quantità di tessuto e nello stesso tempo di preservare la struttura della ghiandola che rimane.
Potrai tranquillamente allattare il tuo bambino e nelle stesso tempo ottenere un seno di cui non dovrai più vergognarti.

 

Comments are closed.